Hydrostasis – Versione digitale

2,90

In questa sua prima e personalissima raccolta di racconti, Mirko Dadich, autore maturato sulle pagine della rivista di narrativa fantastica Altrisogni, ci offre una fantascienza vera e assoluta, fatta di invasioni aliene, pianeti lontani, intelligenze artificiali e guerre galattiche, cloni e futuri alternativi; ma anche e soprattutto fatta di amicizia, amore, abbandono e dolore, coraggio e assurda crudeltà.

Nove storie accattivanti, sei delle quali inedite, che con stile moderno e raffinata sensibilità sanno cogliere in pieno e rielaborare quei temi di riflessione che da sempre costituiscono la spina dorsale delle migliori opere sci-fi. Una fantascienza appassionante e spietata, in grado di scatenare emozioni profonde in ogni lettore.

 

“Dadich ha creato schegge di un futuro dietro l’angolo. Per farlo ha frantumato il presente e ce lo ha restituito con il doppio delle sue angosce. Una lettura che è sguardo potente e ferita insieme…”

DARIO TONANI, autore del ciclo Mondo9 (Mondadori)

Autore Mirko Dadich
ISBN 9788885565050
Editore Dbooks.it
Anno 2017
Email

Descrizione

Quando abbiamo pubblicato Mirko per la prima volta era il dicembre 2010, e la cosa è avvenuta sulle pagine di Altrisogni – Rivista digitale di horror, fantascienza e weird, n.2. Il suo primo, breve racconto, Rosso, ci colpì per la capacità di concentrare in neanche 1000 parole non soltanto una storia, ma anche un intero mondo fantascientifico, con evidenti ma non pacchiani riferimenti ai classici del genere. Era un racconto scritto in maniera semplice, diretta, eppure non banale.

Nessuno di noi della redazione conosceva Mirko e quel racconto breve venne selezionato per un solo fondamentale motivo: funzionava.

Da allora, Mirko Dadich ha continuato a inviare racconti di fantascienza e horror alla redazione di Altrisogni con estrema regolarità. Li abbiamo pubblicati praticamente tutti, perché funzionavano.

Dadich si è così ritrovato a essere l’autore più ricorrente sulle nostre collane: è comparso in ben cinque uscite su nove di Altrisogni, più una sesta volta nell’ebook speciale Nel buio (2011, dbooks.it), da noi curato con la redazione della rivista D&N.

 

La cosa che ha fatto davvero la differenza, però, quella che ci ha portati a questa sua prima personalissima raccolta, è che la qualità delle opere di Mirko continuava a migliorare di racconto in racconto. Dadich non raccontava le cose sempre allo stesso modo, cullandosi in una facile ripetitività. Lo stile si evolveva, le idee si facevano sempre più raffinate, i temi portanti si chiarivano.

A un certo punto ci siamo ritrovati davanti agli occhi una fantascienza che era anni luce più avanti rispetto al primo tentativo fatto con Rosso, molto più stratificata e complessa.

Era eccitante. Mirko Dadich aveva compiuto il percorso di crescita che io e Christian Antonini – amico, co-fondatore di Altrisogni e co-curatore fino al 2015 – ci eravamo sempre augurati di poter supportare con la nostra rivista di scouting letterario. Il nostro intento era infatti, sin dagli inizi, quello di fungere da palestra per gli autori in erba e condurli, con consigli e un editing accorto, a un livello superiore.

Non che l’evoluzione artistica di Mirko sia stata merito nostro, ci mancherebbe, ma di certo noi gli abbiamo fornito lo spazio e il supporto necessario per poter continuare a sperimentare davanti a un pubblico di lettori. E magari gli abbiamo dato anche qualche consiglio appropriato, chissà.

 

Siamo stati noi stessi, quindi, con estrema convinzione, che qualche tempo fa gli abbiamo proposto di pubblicare una raccolta personale di racconti, principalmente inediti.

Desideravamo davvero che la prima parte di questo percorso di crescita risultasse completa: dal primo racconto alla prima raccolta personale. Una tappa importante.

Ci pareva che la qualità dei lavori di Mirko, così come la sua modestia e la sua sensibilità artistica a tutto tondo, lo meritasse pienamente. Anzi, che fosse assolutamente necessario.

Perché, per fortuna di tutti noi, Mirko Dadich ha tante cose da raccontare, cose accattivanti, moderne, delicate, cupe, universali. Storie che toccano le corde più profonde dell’animo umano, che possono interessare chiunque perché parlano di noi, dell’Uomo. Che la narrazione sia ambientata in una linea temporale alternativa, in un futuro in cui abbiamo colonizzato il sistema solare o addirittura molto, molto più avanti nel tempo, Dadich riesce sempre a parlare di noi e a noi, uomini di oggi. E lo fa con una scrittura che sa essere tanto rapida e moderna quanto rilassata e fuori dal tempo, a seconda delle sue necessità. Condita con un tocco – non scontato – di naturale e innata poesia.

 

Quello che voglio dire a chi sta leggendo queste righe per decidere se acquistare Hydrostasis, quindi, è questo: se sei un appassionato di fantascienza, questa raccolta di racconti ti piacerà perché È pienamente fantascienza, senza mezzi termini. Lo è in ogni lettera e in ogni spazio tra le lettere. Troverai alieni, pianeti lontani, intelligenze artificiali, guerre galattiche, cloni. Ma anche tutti quei temi di riflessione che da sempre costituiscono la spina dorsale delle migliori opere sci-fi.

Se non sei un appassionato di fantascienza, questa raccolta di racconti ti piacerà perché parla di amicizia e amore, di abbandoni e di scoperte, di piccoli timori che diventano realtà e delle più grandi paure dell’Uomo, di atti di coraggio e dell’assurdità della guerra. E parla di tutto ciò con un tocco di poesia.

Mirko Dadich ha messo in queste storie tutti i suoi mondi e la sua bravura di scrittore. Noi ci abbiamo messo tutta la nostra cura e capacità professionale. Siamo abbastanza sicuri che non rimarrai deluso, anzi, che Hydrostasis ti piacerà molto.

 

Se acquisterai e leggerai questo libro, aspettiamo di sentire il tuo parere, online su Altrisogni.it o dbooks.it, o magari faccia a faccia durante una fiera di settore o una presentazione libraria.

In ogni caso, grazie per aver voluto scoprire cosa ci fosse tra queste pagine.

 

Vito Di Domenico

Curatore

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Hydrostasis – Versione digitale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *